Prodotti tipici salentini: ecco i più ricercati

Prodotti tipici salentini: ecco i più ricercati

10 Gennaio 2022 0 Di Ilaria
Condividi il Salento

La cucina salentina (senza nulla togliere a quella pugliese, più in generale), è particolarmente ricca, saporita e genuina. Si contano innumerevoli ricette a base di prodotti di terra e di mare. La qualità delle materie prime è eccellente e sempre ben tutelata da innumerevoli presidi e disciplinari che hanno a cuore il sapore autentico locale. Conosciamo ed assaggiamo dunque alcuni tra i più eccellenti prodotti tipici salentini, con qualche consiglio per fare acquisti online.

Le olive leccine

Il nome leccino vi fa pensare forse alla città di Lecce eppure dovete sapere che il cultivar leccino nonostante sia così comune in Salento non è autoctono pugliese. Anzi, sembra che la sua origine sia toscana. tuttavia, in Salento ormai è di casa da moltissimi anni ed è un cultivar che ha trovato in Salento un habitat davvero ideale. Peraltro, assieme alla Favolosa, si tratta di una varietà di ulivo molto resistente al temibile batterio della Xylella fastidiosa. Le olive leccine sono, in Salento, onnipresenti. Sia come olive da tavola, da servire come antipasto, sia usate in cucina, sono sempre molto gradite. La loro versatilità fa sì che esse non debbano mai mancare in dispensa: acquista dunque le olive leccine in salamoia online, e tienile sempre in dispensa. Saranno ottime sulla pizza, nel pane, nelle torte salate, nella pasta alla puttanesca, nei sughi alla cacciatore. O semplicemente come antipasto sfizioso.

LEGGI ANCHE  Come fare in casa il patè bomba del Salento

I lampascioni

Sono cipollotti selvatici dal colore rossastro e dal sapore leggermente amarognolo. Ottimi nelle insalate, sono molto buoni anche fritti, cotti al forno o come protagonisti di frittate. Si trovano anche sott’olio. Acquista un bel vaso di lampascioni sott’olio e rendili i protagonisti dei tuoi antipasti all’italiana sotto il segno della ricercatezza. Se li acquisti freschi, ricorda di lavarli molto bene e di lasciarli in acqua fredda per alcune ore prima di cuocerli.

Le cime di rapa

Famosissime in quanto condimento principale delle orecchiette, le cime di rapa si comprano spesso, in Salento, nei mercati locali. Se avete la fortuna di comprare cime di rapa fresche, scegliete quelle dalle foglie verde brillante e dalle infiorescenze ben chiuse, compatte e verdi. Se le foglie sono gialline o verde pallido e le infiorescenze aperte e gialle, non sono più fresche. Potete lessarle e gustarle con olio e limone, oppure lessarle e ripassarle in padella cono olio pugliese, aglio e peperoncino. Online puoi acquistare cime di rapa al naturale o crema alle cime di rapa. Per i tuoi menù dal sapore inconfondibilmente salentino grazie a questi deliziosi prodotti tipici salentini che madre natura ci offre.

crema alle cime di rapa - Laterradipuglia.it

I peperoni salentini tra i prodotti tipici salentini più veraci

Carnosi e morbidissimi, i peperoni salentini sono detti anche cornetti. La loro forma è allungata. Sono ottimi se arrostiti al forno e poi pelati uno ad uno, oppure fritti. Imperdibile la bruschetta con i peperoni salentini. Genuinità e semplicità nel piatto grazie a questi deliziosi prodotti tipici salentini.

LEGGI ANCHE  Dove alloggiare in Salento?

Il pomodoro fiaschetto di Torre Guaceto

Infine menzioniamo il pomodoro fiaschetto di Torre Guaceto, che è presidio Slow Food. Delizioso, dolce, dalla buccia sottile, è un pomodoro versatile e buonissimo: online troverai la passata di pomodoro fiaschetto, un prodotto eccellente da usare in cucina per dar vita a primi piatti dal sapore rustico, intenso ed autentico del Salento.

passata di pomodoro fiaschetto - Salentocongusto.com

La lista dei prodotti tipici salentini “gourmet” che puoi acquistare anche online termina qui ma in realtà potremmo citare ancora tante altre prelibatezze poco comuni nelle altre zone d’Italia. Pensiamo agli strepitosi legumi del Salento, alle cicorie selvatiche protagoniste del famosissimo primo piatto “fave e cicorie”, alle melanzane, sino ai funghi cardoncelli, tipicamente pugliesi.