Cosa si mangia a Pasqua in Puglia?

Cosa si mangia a Pasqua in Puglia?

4 Aprile 2023 0 Di Ilaria
Condividi il Salento

Pasqua in Puglia, tutti a tavola con ingredienti della tradizione e primizie

Cosa si mangia a Pasqua in Puglia? La Pasqua è nell’aria e tutti hanno voglia di preparare qualcosa di speciale e di diverso dall’ordinario. Ebbene, scopriamo subito quali sono le ricette pugliesi per Pasqua, sia salate che dolci. I piatti della tradizione non mancano, eccoveli elencati.

L’agnello è il grande protagonista della Pasqua in Puglia

La tradizione pasquale vuole che in Puglia si mangi carne di agnello. Come potete ben immaginare, l’agnello è il simbolo della Pasqua e del sacrificio di Gesù in croce per eccellenza. Ed è anche una delle carni più gradite in regione. Non a caso molte famiglie pugliesi prenotano l’agnello presso allevamenti o macellerie già diverse settimane prima di Pasqua. I contadini del Salento e della Puglia sanno cucinarlo magistralmente secondo ricette antiche oggi tramandate presso moltissime famiglie. La marinatura è d’obbligo e si esegue con innumerevoli piante spontanee o aromatiche tipicamente pugliesi. Si aggiunge sempre un pò di ottimo limone pugliese, e poi rosmarino, salvia, maggiorana, timo. E poi l’immancabile olio pugliese, del vino bianco, qualche foglia di alloro, qualche spicchio d’aglio e pepe in grani. Non si mette sale! Il sale andrà aggiunto solamente durante la cottura. La marinatura dell’agnello è fondamentale per la buona riuscita di qualunque ricetta. Non va eseguita di fretta ma anzi, dopo aver preparato per bene l’emulsione, questa va usata per irrorare la carne e poi il tutto deve andare il frigo per 3 ore come minimo.

LEGGI ANCHE  Come fare la passata di pomodoro in casa

Dopodichè si può procedere alla cottura: potete cuocere l’agnello in forno con le patate o, meglio ancora, preparare una brace. La brace va preparata per tempo, e questo vale per qualunque tipo di carne: dovrete cuocere il tutto con calma senza bruciare nulla, quindi è fondamentale che la brace sia viva ma non presenti fiamme vivaci.

Cos’altro si mangia a Pasqua in Puglia?

Lasciando da parte la carne e rimanendo nell’ambito delle ricette pugliesi di Pasqua, non possiamo non menzionare i lampascioni pugliesi, meravigliose, famosissime e deliziose cipolline selvatiche che spuntano naturalmente sottoterra in terra di Puglia e in altre regioni del meridione italiano. Sono piccoli bulbi con un fiorellino di colore blu appartenente alla famiglia dei muscari. Bellissimi i fiorellini, deliziosi i bulbi. In Puglia i lampascioni sanno di Pasqua come non mai. Li potete gustare semplicemente sbollentati e conditi con un filo d’olio, oppure prepararli in agrodolce. Saranno perfetti accanto al vostro agnello con patate. Altre ricette pugliesi di Pasqua sono sicuramente quelle a base di carciofi, altro ortaggio primaverile per eccellenza e quelle con asparagi selvatici, con i quali si preparano ottimi risotti oppure deliziose frittate. La primavera è stagione di primizie e la Pasqua è il momento ideale per gustarle!

Quali sono invece i dolci pugliesi pasquali?

Veniamo ora alle ricette pugliesi di Pasqua per il fine pasto, ovvero ai dolci. I dolci di Pasqua pugliesi più famosi sono: sicuramente l’agnello di pasta di mandorle (maggiormente noto in Salento), poi i taralli dolci, semplicissimi ma irresistibili, glassati al limone, alle mandorle e talvolta con gocce di cioccolato, le pastatelle con marmellata o confettura di frutta e infine le scarcelle, biscottoni friabili con un bell’uovo sodo al centro.

LEGGI ANCHE  I salumi pugliesi: un'eccellenza culinaria ricca di tradizione e gusto

Prodotti correlati Shop Laterradipuglia