3 prodotti tipici del Salento che “sanno di Salento”

3 prodotti tipici del Salento che “sanno di Salento”

24 Maggio 2022 0 Di Ilaria
Condividi il Salento

I prodotti tipici del Salento custodiscono tutto l’aroma, la sensazione e l’emozione di questa terra. Una terra dove il clima è mite tutto l’anno e dove i profumi della vegetazione, delle erbe spontanee, degli ulivi e degli ortaggi si mischiano in un unicuum indimenticabile per chi la visita e chi la “assaggia”. Mandorle, ulivi, aranci, e poi ancora noci., fichi….il Salento è un mix di sapori unici nel loro genere. Intensi e decisamente mediterranei. Vediamo dunque 3 prodotti tipici del Salento, che “sanno di Salento” e che conviene provare per portare a casa tutto il ricordo di questa terra.

I panini farciti

Noti con innumerevoli nomi (Pizzi, Sceblasti, Puccia, Uliata, Cazzateddha, Piscialetta, Mpilla, Fucazza, Cucuzzata), sono dei panini cotti nel forno a legna. Si preparano con gli avanzi di cucina uniti agli avanzi di impasto di pane. Possono contenere capperi, pomodoro, zucchine, cipolla, olive nere…. La puccia con le olive nere è un grande “classico” della vigilia dell’Immacolata. A Gallipoli, per l’occasione, la puccia è condita con ricotta forte, capperi e acciughe. Nel tarantino troverete la puccia alla vampa (cioè alla fiamma): è più sottile e ha pochissima mollica. A Pulsano ed a Lizzano si prepara una focaccina ripiena, chiamata puccia alla tajeddha o puccia alla spasa (cioè in teglia): il ripieno è con olive, capperi, peperoncino, pomodori, acciughe e cipolle. Lo stesso ripieno della pitta di patate, che andremo or ora a menzionare. Infine, nel paesino di Zollino, si svolge la sagra della sceblasti, un panino condito con verdure miste. A Lecce li chiamano semplicemente pizzi, e spesso sono piccantini. A Surbo invece la cazzateddha, con pomodoro e ricotta forte, e la piscialetta, con olive nere e pomodoro. Insomma, Salento che vai, prodotti tipici del Salento e panini farciti che trovi!

LEGGI ANCHE  Pasta di Mandorla salentina, tra agnelli, pesci e altre creature

La pitta di patate

Proseguiamo la carrellata dei sapori del Salento e dei piatti tipici del Salento con un piatto da provare asoslutalemtne: la pitta di patate. Si tratta di una sorta di gateau di patate riccamente farcito con un impasto chiamato in Salento “pizzaiola”. Si tratta dunque di due strati di patate lesse schiacciate, tra i quali si trova un mix di cipolle, pomodori, olive, a volte tonno, capperi, origano e caroselle (infiorescenze del finocchio). Il tutto è ripassato in forno per una buona mezzora. La pitta di patate è un grande classico estivo: i salentini se la portano anche in spiaggia! Il sapore della pitta di patate è proprio un autentico sapore di “Salento”: sapore di Mediterraneo e di questa straordinaria terra tra due mari!

Le pappardelle attorcigliate, chiamate anche “sagne incannulate”

Infine, sono un po’ il simbolo dei prodotti tipici del Salento e della salentinità le sagne ‘ncannulate, cioè attorcigliate. E’ una pasta fresca fatta in casa, di grano oppure di orzo, condite in modi differenti. Si usa molto il sugo di pomodoro con ricotta forte, oppure con cacioricotta, ma anche il sugo di carne, con polpette al sugo o bocconcini di carne di maiale. E’ un grande classico della domenica e simboleggia fortemente il salento.

LEGGI ANCHE  Sott'oli ripieni pugliesi: piccola guida all'acquisto