Vincotto di uva, versatile come non mai

Vincotto di uva, versatile come non mai

11 Novembre 2021 0 Di Ilaria
Condividi il Salento

Il vincotto di uva è un prodotto della tradizione salentina che affonda le sue radici nella notte dei tempi. Si otteneva, un tempo, dalla bollitura prolungata del mosto d’uva. Era dunque un prodotto legato a doppio filo alla vendemmia, che in Salento come nel resto d’Italia aveva luogo dopo l’estate. Una volta ricavato il mosto, se in alcune regioni come l’Emilia Romagna ed il Veneto si ricavavano i sugoli (una sorta di budino di uva), in Salento invece si ricavata il vincotto. Prodotti buoni perchè sani, ottenuti da ciò che madre natura aveva naturalmente fornito. Ma conosciamo più da vicino gli usi del vincotto di uva.

Il vincotto d’uva è anche noto con il nome di mosto cotto di uva. Il motivo l’abbiamo già detto, ed è che il vincotto è il risultato della cottura e bollitura molto prolungata del mosto. Lo si ricava tanto dai vitigni a bacca bianca, quanto dai vitigni a bacca rossa. La sua consistenza è quella di uno sciroppo: piuttosto denso e zuccherino pur non prevedendo l’aggiunta dello zucchero. Come tutti saprete, in Salento il vincotto è anche chiamato cuettu, la versione dialettale della medesima parola. E’, come detto, una preparazione molto antica. Pensate che quando non tutti potevano ricorrere ai farmaci e quando per curarsi si ricorreva più a madre natura e meno alla chimica, il vincotto era usato come sedativo della tosse.

LEGGI ANCHE  Ingrosso prodotti tipici salentini, dove andare

 

Usi del vincotto, cosa ci insegnano i contadini del Salento

Il vincotto si apre se si gusta così com’è. E’ perfetto sulle pittule, su fritti e frittini di vario genere, ma anche sui dolci. Provatelo sulle cartellate pugliesi, ma anche sui purcedduzzi al posto del miele. E’ ottimo anche sul gelato, con i biscotti secchi o sulle crostate. Considerate che il vincotto di uva ha un ottimo potere dolcificante, dunque sta bene anche su dolci moderatamente dolci o su preparazioni non dolci. I contadini salentini usavano, un tempo, usare il vincotto come contrappunto anche ad alcune preparazioni salate, quali le cipolle, ad esempio. Le cipolle al vincotto sono ancora oggi molto amate e gustate in tutto il Salento e non solo.